Notizie

Moie (AN) - La Fiera di Santa Maria

UA Moie torna la 426esima edizione dell’Antica fiera di Santa Maria

 Moie “La Fiera delle Moglie” è una tra le più antiche d’Italia e dell’ex Stato Pontificio e, in origine, si prolungava per ben quattro giorni. La Fiera fu concessa dal Papa marchigiano Sisto V, in data 13 Luglio 1588 in cambio di 5000 Ducati d’oro da versare alla Camera Apostolica. In cambio di questa consistente cifra , la Fiera si sarebbe potuta svolgere nel “ Piano Santa Maria delle Moglie”; il 9 settembre e nei tre giorni successivi, libera ed esente da tasse. Anche nell’Ottocento, la Fiera aveva mantenuto la sua importanza economica e sociale , infatti , era presieduta dal Governatore Distrettuale e vedeva la presenza dell’intera locale Magistratura. I dati che maggiormente stupiscono riguardano i numeri dei visitatori, stimati, in alcuni documenti , fino a diciassettemila. Dal 1834 la Fiera si ridusse al solo giorno del 9 settembre. Nei vari regolamenti moderni della metà del XIX secolo, si può leggere che la Fiera si svolgeva lungo la via Clementina. Alcuni commercianti che sostavano a Moie più giorni, avevano uno o più Casotti ,che destinavano sia all’esposizione e alla vendita delle merci , sia come luogo di ricovero. Ai lati della via Clementina poteva esserci, per ogni ala ,una sola fila di Panche o Casotti, in modo da rendere il tragitto libero e da permettere il passaggio di carri, legni di lusso e , ovviamente , della gente a piedi. Conclusa la Fiera, ogni venditore aveva l’onere di pulire il tratto di fosso occupato lungo la Strada Clementina

Attualmente si svolge per l’intera giornata del 9 settembre, dove per la circostanza le vie centrali della cittadina si colorano di bancarelle che proporranno merci di ogni tipo.

Pubblicato da Guide Delle Marche il 10-09-2014

Jesi (an) - Visite d’Estate Luglio - Settembre 2014

Jesi 2014 Visite d’Estate: Luglio - Settembre visite guidate, monumentI e musei / Summer Visits  July - September Guided tours, monuments and museums

Scarica il Programma / Download the Program 

Ufficio Turismo / Tourist Office Piazza della Repubblica - Jesi (AN)

t. +39 0731 538420 - turismo@comune.jesi.an.it, www.turismojesi.it / www.jesiestate.it

Pubblicato da Guide Delle Marche il 04-08-2014

Belforte del Chienti (MC) - "Monotypien" personale di Hubert Huber al MIDAC

La stagione artistica 2014 del MIDAC a Belforte del Chienti, continua con la quarta mostra personale dell'anno: "Monotypien" di Hubert Huber (Germania). La mostra, curata da Terra dell'Arte e con il patrocinio dell'Amministrazione Comunale, sarà visibile nell'ex Chiesa di San Sebastiano, centro storico di Belforte del Chienti, dal 10 al 31 Agosto 2014.

Hubert Huber è nato a Passau, Germania nel 1956. Dal 1981 lavora come artista, dopo una formazione accademica centrata, soprattutto sulla scultura. È stato il primo Presidente dell'Associazione Professionale degli artisti visivi della Bassa Baviera. Ha ottenuto borse di studio e premi e nel 1990 è stato uno degli iniziatori e fondatori della Produzentengalerie Passau. Sempre a Passau, nel 1992 ha avviato e guidato il progetto del "Modello culturale Bräugasse". È membro del Consiglio Consultivo Culturale della Città di Passau. Vanta numerosissime mostre personali e collettive in patria e all'estero. È organizzatore di progetti culturali nazionali ed internazionali ed i suoi lavori sono presenti in collezioni pubbliche e private di tutto il mondo.

Inaugurazione Domenica, 10 Agosto alle ore 19:00 ex Chiesa di San Sebastiano

-- MIDAC - Museo Internazionale Dinamico di Arte Contemporanea

ex chiesa di San Sebastiano, 62020 Belforte del Chienti (MC)

aperto tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 17.30 alle 19.30 - Ingresso libero

tel:(+39) 0733 90 64 05 / (+39) 393 21 40 065 web: www.midac-terradellarte.org

Pubblicato da Guide Delle Marche il 04-08-2014

Fabriano (AN) - La mostra Da Giotto a Gentile

Da GIOTTO a GENTILE pittura e scultura a Fabriano fra Due e Trecento  

a cura di Vittorio Sgarbi Fabriano, 25 luglio - 30 novembre 2014

Pinacoteca Civica "Bruno Molajoli", Chiesa di Sant’Agostino, Cappelle Giottesche, Chiesa di San Domenico, Cappella di Sant’Orsola e Sala Capitolare, Cattedrale di San Venanzio, Cappelle di San Lorenzo e della Santa Croce

Le Marche, e Fabriano in particolare, tornano protagoniste di primo piano nel panorama italiano della cultura e delle grandi mostre con da GIOTTO a GENTILE pittura e scultura a Fabriano fra Due e Trecento a cura di Vittorio Sgarbi. Un'iniziativa che  mira a valorizzare uno smisurato patrimonio artistico in gran parte “sommerso” e inscindibile dal contesto paesaggistico e ambientale di straordinaria bellezza. Uno scenario quasi segreto nel quale si iscrive una mostra preziosa. Occasione imperdibile per ammirare pale d'altare, sculture lignee dipinte e affreschi della lunga stagione gotica.  La mostra è ospitata presso la Pinacoteca Civica Bruno Molajoli e in tre splendide chiese del circuito urbano, espone oltre 100 opere tra cui oltre a dipinti, pale d'altare, tavole, affreschi staccati, anche sculture, oreficerie rarissime, miniature, manoscritti, codici. Opere delicate e preziose, concesse in prestito dai più prestigiosi musei italiani e stranieri. Un territorio apparentemente periferico, marginale rispetto ai tradizionali e acclarati circuiti del turismo culturale, un deposito vasto e inestimabile di capolavori artistici medievali in gran parte poco noti, in molti casi sconosciuti: Fabriano, le sue chiese millenarie, gli eremi che punteggiano l’affascinante paesaggio appenninico, costituiscono lo scenario nel quale si iscrive la mostra “Da Giotto a Gentile”. 

Info: www.mostrafabriano.it

Pubblicato da Guide Delle Marche il 04-08-2014

Fermo - in mostra l'arte di Fortunato Duranti

La mente mia s’invola: Fortunato Duranti (1787-1863) artista visionario fra le Marche e   Roma

1 agosto - 9 novembre 2014 Fermo, Palazzo dei Priori

 “Artista di genio stravagante”, “singolare ottocentista”, “espressione di una eroica scapigliatura neoclassica”: queste sono le definizioni di alcuni fra i più illustri critici del Novecento riferite alla figura di Fortunato Duranti, artista del quale si conservano nelle maggiori collezioni italiane e straniere più di tremila disegni e soltanto pochissimi dipinti. In occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario della morte dell’artista, l’ Amministrazione Comunale di Fermo, il Comune di Montefortino e la Cassa di Risparmio di Fermo, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, hanno inteso onorare questo singolare artista con l'organizzazione della mostra a lui dedicata presso i suggestivi ambienti del Palazzo dei Priori. Curata dal professor Stefano Papetti è sotto l’egida della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea e il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, con il sostegno della Soprintendenza ai Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici delle Marche, della Regione Marche e della Provincia di Fermo.

Info: www.comune.fermo.it

Pubblicato da Guide Delle Marche il 04-08-2014